Il mito di Colapisci!

La leggenda di Colapisci, il mito di Colapisci, riportato anche come Cola Pisci o Piscicola e italianizzato in Colapesce o Cola Pesce, è a mio parere uno dei più belli in assoluto.

La storia di questo ragazzino, Nicola o Niccolò, soprannominato Colapisci per la sua abilità in acqua, ha un’origine medioevale se non addirittura più antica e trae probabilmente origine dal culto tardo pagano dei figli di Nettuno, i sommozzatori capaci di trattenere il respiro. Diffusa in tutto il meridione, se ne contano decine di versioni e varianti. Nel suo Studi di leggende popolari in Sicilia e nuova raccolta di leggende siciliane del 1904, Ed. Carlo Clausen, Giuseppe Pitrè ne raccoglie oltre una cinquantina, tra versioni scritte e altre tramandate oralmente.
La versione più celebre è certamente quella siciliana, a sua volta con svariate varianti, seguita da quella napoletana cui si rifece lo stesso Benedetto Croce.

Nicola, dunque, figlio di un umile pescatore di Capo Peloro a Messina, così tanto innamorato del mare da trascorrervi intere giornate in lunghe immersioni da cui tornava con racconti fantastici e talvolta con tesori, ma da attirarsi anche l’ira e la maledizione materna:
«’Na vota cc’era a Missina ‘na matri, ch’avia un figghiu; stu figghiu si chiamava Cola, e stava sempri jiccatu a mari. La matri ‘un facia àutru chi chiamallu, e iddu cci facia fari li vuledda fràdici; ‘na jurnata la fici sbattiri tantu, ca idda nu nni putennu cchiù, cci jiccò ‘na gastima: “Chi putissi addivintari pisci!” Giustu giustu li celi si truvavanu aperti, e la gastima cci junciu; ed eccu ‘nt’ on mumentu addivintau menzu pisci e menzu cristianu, cu li jidita junciuti e li gargi comu ‘na giurana. Cola ‘n terra nun cci scinniu cchiù, e la matri, pi la pena, si mazzuliò tantu, ca nni muriu.»
(versione orale in G. Pitrè, op.cit., pag. 157)

La sua fama giunse fino alle orecchie di Re Federico I di Sicilia, meglio noto come l’Imperatore Federico II di Svevia, che, dopo averlo messo alla prova, gli disse: «Vogghiu sapiri unn’è fabbricata Missina». (G. Pitrè, op.cit., pag. 158)
Credenza popolare racconta, al riguardo, che la Sicilia poggi su tre colonne: «Cola abbuddò, e, ddoppu un jornu, s’arricugghiu e dissi a lu Re, ca Missina era fabbricata supra un scogghiu, tinuta di tri culonni: una rutta, una scardiata ed una sana, e Cola dissi: “Missina, Missina, Un jornu sarai mischina!”». (G. Pitrè, op.cit., pag. 158)
Obbedendo all’insistenza del Re, Cola si immerse ancora una volta, ma non riemerse più!
È questa solo una delle tante versioni orali riportate dal Pitrè, diverse anche in funzione dell’area geografica di narrazione.

La credenza popolare vuole che Colapisci sia rimasto nelle profondità del mare, sostituendosi alla colonna danneggiata a sorreggere la Sicilia con le sue braccia!
E quando la Sicilia trema, tra Messina e Catania, è solo perché Colapisci si muove per cambiare spalla d’appoggio!

Il cantautore e cantastorie calabrese Otello Profazio ha dedicato a Colapisci una splendida canzone:

La genti lu chiamava Colapisci
pirchì stava ‘nto mari comu ‘npisci
dunni vinia non lu sapia nissunu
fors’ era figghiu di lu Diu Nittunu.
‘Ngnornu a Cola ‘u re fici chiamari
e Cola di lu mari curri e veni.
O Cola lu me regnu a scandagghiari
supra cchi pidamentu si susteni.
Colapisci curri e và.
Vaiu e tornu maestà.
Cussì si jetta a mari Colapisci
e sutta l’unni subitu sparisci
ma dopu ‘npocu, chistà novità
a lu rignanti Colapisci dà.
Maestà li terri vostri
stannu supra a tri pilastri
e lu fattu assai trimennu,
unu già si stà rumpennu.
O destinu miu infelici
chi sventura mi predici.
Chianci ‘u re, com’haiu a fari
sulu tu mi poi sarvari.
Su passati tanti jorna
Colapisci non ritorna
e l’aspettunu a marina
lu rignanti e la rigina.
Poi si senti la sò vuci
di lu mari ‘n superfici.
Maestà! ccà sugnu, ccà
Maestà ccà sugnu ccà.
‘nta lu funnu di lu mari
ca non pozzu cchiù turnari
vui priati la Madonna
ca riggissi stà culonna
ca sinnò si spezzerà
e la Sicilia sparirà.
Su passati tanti anni
Colapisci è sempri ddà
Maestà! Maestà!
Colapisci è sempri ddà

Diversi sono i temi, i significati che possono trarsi dal mito di Colapisci, facendo riferimento all’intero complesso delle versioni scritte e orali.
Interessantissime riflessioni di natura anche antropologica ci sono state lasciate, al riguardo, dalla professoressa Gabriella Mondardini (1941-2014), già ordinario di Antropologia Culturale e Sociale della Facoltà di Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi di Sassari, nel suo saggio del 2009 Riflessioni intorno alla leggenda di Cola Pesce.

Innanzitutto l’amore per il mare e le differenze ludiche tra fanciulli e fanciulle nelle società marinare legate al mondo della pesca:
«La prima scena è quella di un fanciullo che amava starsene sempre in mare.
Personalmente, nelle mie ricerche in comunità marinare ho prestato attenzione con assiduità al comportamento infantile e ho riscontrato che le esperienze dei maschi sono differenti da quelli delle femmine.
Gli spazi del gioco sono separati. Il gioco delle femmine si svolge generalmente a terra, in casa o in strada: ricorrono i giochi con le bambole, la settimana, nascondino, ecc. I maschi, al contrario, sembrano privilegiare il mare e il porto, dove iniziano a familiarizzare con l’acqua imitando gli adulti e giocando con piccole barche. Gli anziani raccontano che da piccoli avevano una forte attrazione per il mare, un desiderio forte di far parte di un equipaggio, tanto che spesso la prima uscita in mare avviene perché il ragazzo si nasconde a bordo, per ricomparire quando la barca è già lontana dalla riva.»

(G. Mondardini, op.cit., pagg. 5-6)

Poi, il richiamo, la “maledizione” materna, come causa scatenante di una profonda trasformazione dell’individuo.

Ancora, il piacere della scoperta, della conoscenza.

L’obbedienza al volere del sovrano, da intendersi come rispetto dell’autorità, dei differenti ruoli di ognuno.

Aggiungerei, inoltre, l’elemento a mio parere più importante: l’amore per la propria terra, l’impegno a difenderla e a proteggerla, a sostenerla come fece, … come tuttora fa Colapisci, a costo del proprio sacrificio.
Sentimenti, questi, che temo manchino a tanti Siciliani di oggi, ma che si ritrovano nella cultura e nella storia delle grandi civiltà:
«Onora, difendi e proteggi la terra dei tuoi padri!»
affermava, un paio di secoli fa, Tecumseh, della tribù degli Shawnee, uomo di alti ideali, il più grande statista nella storia dei nativi d’America!

A N T U D U !
(alla siciliana, come mi hanno insegnato Pippo Scianò e Corrado Mirto, con la U finale al posto della O, espressione formalmente inesatta ma più vera e vicina al modo di esprimersi di un popolo fiero nei secoli, ma forse un po’ digiuno di Latino!)