Pinsera ‘n libbertà

(adattato dal vecchio blog Sikeloi.net, 2011)

Nuautri siemu siciliani!
Ham’a aviri l’orgogliu, ‘a dignitati ri ‘siri siciliani e n’ ham’a pritenniri ‘u rispiettu!
Siciliani fuorru Antonio e Andrea, Giovanni e Paolo, Rosario, Leonardo e Gesualdo, Luigi e Giovanni e tant’autri. Nunn ‘u sacciu quanti ‘u puonu riri, tanti ca nun sanu mancu ri cu staiu parrannu!
Ppi’ iddi, onoramini e rispittamini, comu iddi s’onorarru e s’arrispittarru, a si stissi e a’ so terra … e a nuatri, senza mancu cunuscirini …!
A ccu rici ca i siciliani su’ niviri e lurdi, o autri cosi ri ‘stu tipu, … arririemuci ‘nta facci’!
Ma ri cchi n’avissimu affruntari, ri ‘siri siciliani? Picchì, quannu ‘sciemu, c’è ccu cerca r’ammucciarisi ‘a ‘uci?
L’umanitati, ‘u rispiettu pp’ l’autru, pp’o diviersu, ca ‘u sicilianu havi, … picca l’hanu!
Riurdamuni, pigghiamu cuscienza ri chiddu c’ hamu passatu e ca n’ hanu fattu passari!
Quannu ni vuonu ‘mprugghiari supra ‘a storia, ‘a nostra storia, chiddu c’ ha successu, riurdamuci re’ fatti ri Bronte, ‘ntò milliuottucientu e sissanta. Parramici ri Castellammari, ‘nto milliuottucientu e sissantarui, parramici ri Angela Romano, ri nov’ anni, ri Mariana Crociata, cieca e anarfabbeta, ri Marco Randisi, storpiu e anarfabbeta, ri Benedetto Palermo, parrinu, ri Angela Catalano, zoppa e anarfabbeta, ri Angela Calamia e Antonino Corona, ri settant’anni. Riurdamici ro “sett’ e mienzu”, ‘ntò milliuottucientu e sissantasiei, ‘ra “straggi ‘ro pani” ‘nta Via Maqueda, ‘ntò millinovicientu e quarantaquattru. Parramici ‘ro Vespru, ‘ra rivoluzioni pp’ l’indipinnenza ‘ra Sicilia. E se ‘sti cosi nunn ‘i sapiemu, sturiamu, ligghiemu … e ancora sturiamu e ligghiemu, … picchì l’ ham’a sapiri!
Mario Turri n’ ansignau ca “La Sicilia di domani sarà quale noi la vogliamo: pacifica, laboriosa, ricca, felice, senza tiranni e senza sfruttatori”! … se ‘u vuliemu …!

… pensieri in libertà!

Noi siamo siciliani!
Dobbiamo avere l’orgoglio, la dignità di essere siciliani e ne dobbiamo pretendere il rispetto!
Siciliani furono Antonio e Andrea, Giovanni e Paolo, Rosario, Leonardo e Gesualdo, Luigi e Giovanni e tanti altri. Non so quanti lo possano dire, tanti che non sanno neanche di chi io stia parlando!
Per loro, onoriamoci e rispettiamoci, come loro onorarono e rispettarono se stessi e la loro terra … e noi, senza neanche conoscerci …!
A chi dice che i siciliani sono neri e sporchi, o altre cose di questo tipo, … ridiamoci in faccia!
Ma di cosa ci dovremmo vergognare, di essere siciliani? Perché, quando andiamo fuori, c’è chi cerca di camuffarsi la voce?
L’umanità, il rispetto per l’altro, per il diverso, che il siciliano ha, … in pochi l’hanno!
Ricordiamoci, prendiamo coscienza di quello che abbiamo passato e che ci hanno fatto passare!
Quando ci vogliono imbrogliare sulla storia, la nostra storia, su quello che è successo, ricordiamo loro i fatti di Bronte, nel milleottocentosessanta. Parliamo loro di Castellammare, nel milleottocentosessantadue, parliamo loro di Angela Romano, di nove anni, di Mariana Crociata, cieca e analfabeta, di Marco Randisi, storpio e analfabeta, di Benedetto Palermo, sacerdote, di Angela Catalano, zoppa e analfabeta, di Angela Calamia e Antonino Corona, di settant’anni. Ricordiamo loro del “sette e mezzo”, nel milleottocentosessantasei, della “strage del pane” in Via Maqueda, nel millenovecentoquarantaquattro. Parliamo loro del Vespro, della rivoluzione per l’indipendenza della Sicilia. E se queste cose non le conosciamo, studiamo, leggiamo … e ancora studiamo e leggiamo, … perché le dobbiamo conoscere!
Mario Turri ci insegnò che “La Sicilia di domani sarà quale noi la vogliamo: pacifica, laboriosa, ricca, felice, senza tiranni e senza sfruttatori”! … se lo vogliamo …!