Proverbi siciliani

Questa pagina intende raccogliere e presentare una selezione delle centinaia, forse migliaia di proverbi siciliani, l’espressione più tipica di quella saggezza popolare che pare difficilmente si sbagli.
Selezione assolutamente personale e che non ha la pretesa di avere individuato i più belli o significativi, obiettivo che, del resto, neppure si poneva.
La forma utilizzata a qualcuno magari farà storcere il naso, ma ben comprenderete come la Lingua Siciliana, in mancanza di una organica standardizzazione ortografica, presenti sfumature assai differenti e variegate.
Sono certo, ad ogni modo, che apprezzerete il mio sforzo nel non cedere alla tentazione di sostituire “chi” e “cchi” con i più tipicamente ragusani “ci” e “cci” (‘a ciavi appisa ‘o ciuovu, per intenderci)!

Abbisogna masticari amaru cu’ voli a’ tempu agghiuttiri aruci
Deve masticare amaro chi vuole a tempo debito inghiottire dolce

Abbisogna masticari feli si si voli duoppu agghiuttiri meli
Bisogna masticare fiele se si vuole dopo inghiottire miele

‘a biddizza è menza doti
La bellezza è mezza dote

‘a bona mugghieri è ‘a prima ricchizza d’ ‘a casa
La buona moglie è la prima ricchezza della casa

‘a bona o ‘a vera nova ‘a porta ‘u zuoppu
La buona o la vera notizia la porta lo zoppo
(le buone notizie o la verità si conoscono in ritardo)

‘a casa capi quantu voli ‘u patruni
La casa è grande quanto vuole il padrone

Acqua ca duna a tanti vadduni a mari nun ci n’arriva
Acqua che si dona a tanti torrenti a mare non ne arriva
(chi fa troppe cose non ne conclude alcuna)

Acqua, cunsigghiu e sali, a cu’ ‘n addumanna ‘n ci ni rari
Acqua, consiglio e sale, a chi non ne domanda non ne dare

Acqua passata nun macina ‘u mulinu
Acqua passata non macina il mulino
(ciò che è passato non ritorna)

A cu fa chiddu ca nu’ divi, c’avveni chiddu ca nun criri
A chi fa quello che non deve, accade quello che non crede

‘a fissaziuni iè peggiu d’ ‘a malattia
La fissazione è peggio della malattia

‘a guerra, quannu veni, veni ppi tutti
La guerra, quando viene, viene per tutti

‘a iaddina fa l’ovu e ‘u iaddu canta
La gallina fa l’uovo e il gallo canta
(c’è chi agisce e chi è capace solamente di vantarsi)

‘a iatta priscialora fici ‘i iattarieddi uorbi
La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

A lavari ‘a testa ‘o sceccu si perdi acqua, sapuni e tiempu
A lavare la testa all’asino si perde acqua, sapone e tempo

‘a lincua nun havi ossa, ‘a lincua rumpi l’ossa
La lingua non ha ossa, la lingua rompe le ossa

A lu galantomu ogni paisi è patria
Per il galantuomo ogni paese è patria
(la persona perbene è rispettata ovunque vada)

Ama a ccu’ t’ama, rispunni a ccu’ ti chiama
Ama chi ti ama, rispondi a chi ti chiama

‘a mala strata nun finisci mai
La cattiva strada non finisce mai

‘a matinata fa ‘a jurnata
La mattinata fa la giornata

‘a miegghiu parola è chidda ca nun si rici
La migliore parola è quella che non si dice

A’ morti sula nun c’è riparu
Alla morte sola non c’è rimedio

Amuri, biddizz’ e dinari nun si puon’ ammucciari
Amore, bellezza e denaro non si possono nascondere

Amuri nun senti cunsigghi
L’amore non sente consigli

A navi rutta ogni vientu è cuntrariu
A nave rotta ogni vento è contrario

A pignata ca ‘ugghi nun c’incugnano muschi
A pentola che bolle non s’avvicinano mosche
(di chi sa farsi rispettare, nessuno osa prendersi gioco)

‘a pignata vaddata nu’ vugghi mai
La pentola controllata non bolle mai

‘a prim’ acqua è chidda ca vagna
La prima acqua è quella che bagna

‘a ragghiuni va co’ so’ peri
La ragione va col suo piede

‘a scupa nova fa cchiù scrùsciu
La scopa nuova fa più rumore

Assai beni balla cu’ ‘a furtuna sona
Assai bene balla colui a cui la fortuna suona

Attacca ‘u sceccu unni voli ‘u patruni
Lega l’asino dove vuole il padrone

‘a ‘ucc’ arrirri e ‘u cori cianci
La bocca ride e il cuore piange
(chi si mostra sorridente, magari dentro di sé soffre)

‘a ‘utti ri cchi è china spanni
La botte ciò di cui è piena versa

‘a vigna si chianta quannu ‘u vinu nun vali nenti
La vigna si pianta quando il vino non vale niente

‘a vita iè comu ‘a scala do puddaru, iè curta e chin’ ‘i medda
La vita è come la scala del pollaio, è corta e piena di merda

Biatu ‘dd’ aceddu ca fa ‘u niru ‘o so paisi
Beato quell’uccello che fa il nido al suo paese

Biddizza senza ‘razia è com’ a l’isca senz’amu
Bellezza senza grazia è come l’esca senza amo

Bona parola è mienzu pajamientu
La buona parola è mezzo pagamento

Bonu tiempu e malu tiempu nu’ durunu tutt’ ‘u tiempu
Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo

Càlati juncu ca passa la china
Piegati giunco che passa la piena

Cani c’abbaia nu’ muzzica
Cane che abbaia non morde

Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza
Carne fa carne, pane fa pancia, vino fa danza

Casa ‘ranni inchila ri spini
Una casa grande riempila di spine
(troppe ricchezze portano preoccupazioni)

Cc’ amici e cch’e parienti, nun accattari e nu’ vinniri nenti
Con gli amici e coi parenti, non comprare e non vendere niente

Cchiù scur’ ‘i menzannotti nun pò fari
Più scuro di mezzanotte non può fare

Chiant’ ‘a vigna unni tieni ‘a ‘utti
Pianta la vigna dove tieni la botte

Chiddu ca si schifia, veni ‘u tiempu ca si risìa
Quello che si disprezza, viene il tempo che si desidera

Chiovi supr’ ‘o vagnatu
Piove sul bagnato

Com’ ‘a ‘mpastasti, scaniatilla
Come l’hai impastata, spianatela

Comu si campa, si mori
Come si vive, si muore

Cònzila comu ‘uoi, sempri cucùzza iè
Condiscila come vuoi, sempre zucchina è

Cosi cuntati criritini ‘a mità, si menu crirìti miegghiu facìti
Delle cose raccontate credetene la metà, se ancora meno credete meglio fate

Costa caru ‘u figghiu parrinu
Costa caro il figlio prete
(difficile è la via per la saggezza)

Cu’ accurza allonca e cu’ allonca accurza
Chi accorcia allunga e chi allunga accorcia
(riferito a chi fa le cose di fretta o, al contrario, con la dovuta calma e attenzione)

Cu’ arrobba ppì manciari, nun fa piccatu
Chi ruba per mangiare non fa peccato

Cu’ bonu simina miegghiu arricogghi
Chi ben semina meglio raccoglie

Cu’ campa vecchiu si fa
Chi campa vecchio si fa

Cu’ cchiù spenni menu spenni
Chi più spende meno spende

Cu’ è picciuottu è riccu
Chi è giovane è ricco

Cu’ è picciuttieddu nun è puvirieddu
Chi è giovincello non è poveretto

Cu’ è riccu r’amici è pover’ ‘i vuài
Chi è ricco d’amici è povero di guai

Cu’ fa com’ ‘a furmica, a so’ tiempu nun fatica
Chi fa come la formica, a suo tempo non fatica

Cu’ futti futti, Diu pirduna a tutti
Chi frega frega, Dio perdona tutti

Cu’ havi cchiù sali conz’ ‘a minestra
Chi ha più sale condisce la minestra
(chi ha più capacità gestisce le cose)

Cu’ havi fami nun cerca cumpanagghiu e cu’ havi suonnu nun cerca capìzzu
Chi ha fame non cerca companatico e chi ha sonno non cerca guanciale

Cu’ havi ‘n occhiu sulu spissu l’annétta
Chi ha un occhio solo spesso lo pulisce
(chi ha poco, ne ha grande cura)

Cu lassa ‘a veccia pp’ ‘a nova tintu s’attrova
Chi lascia la vecchia per la nuova male si trova

Cu libbiru pò stari, nun s’issi a ‘ncatinari
Chi libero può stare, non si vada a incatenare

Cu’ mancia fa muddìchi
Chi mangia fa molliche

Cu’ mania nun pinìa
Chi si dà da fare non ha da penare

Cumannàri è miegghiu ri futtiri
Comandare è meglio di fottere

Cu’ nesci arrinesci
Chi esce riesce

Cu’ nun fa nenti nu’ sbagghia nenti
Chi non fa niente non sbaglia niente

Cu’ nun po’ muzzicari, nun mustrass’ ‘i riénti
Chi non può mordere, non mostri i denti

Cu’ nun sapi fari, nun sapi cumannari
Chi non sa fare, non sa comandare

Cu’ nun senti ragghiùni nun pò far’ ‘i cosi ccu’ ragghiùni
Chi non sente ragione non può fare le cose con ragione

Cu’ offenni scrivi ‘nto pruhulàzzu e cu’ è offisu scrivi ‘nto marmu
Chi offende scrive nella polvere e chi è offeso scrive nel marmo

Cu’ paia avant’ avanti mancia pisci fitusu
Chi paga in anticipo mangia pesce avariato

Cu’ picca havi, caru ‘u teni
Chi poco ha, caro se lo tiene

Cu’ piecura si fa, ‘u lupu s’ ‘a mancia
Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia

Cu’ pigghia biddizza, pigghia corna
Chi prende bellezza, prende corna
(riferito a chi sta con una bella donna)

Cu’ prierrica ‘o disertu ci perd’ ‘u sermuni
Chi predica al deserto ci perde il sermone

Cu’ ri sceccu fa cavaddu, ‘u primu cauci è ‘u so
Chi di un asino fa un cavallo, il primo calcio è suo
(chi è generoso con un ingrato, per primo sarà trattato male)

Cu’ ri spiranza campa rispiratu mori
Chi di speranza vive disperato muore

Cu’ ru’ ‘ucchi vo’ vasari, l’una o l’autra hav’ ‘a lassari
Chi due bocche vuole baciare, l’una o l’altra deve lasciare

Cu’ s’affuca cch’ ‘e so manu, nun c’è nudu ca ‘u chianci
Chi si strozza con le sue mani, non c’è nessuno che lo piange

Cu’ s’ammuccia soccu fa, è signu ca mali fa
Chi nasconde quello che fa, è segno che male fa

Cu’ s’annamura ri capiddi e rienti, s’annamura ri nenti
Chi s’innamora di capelli e denti, s’innamora di niente
(nel senso che bisogna guardare la bellezza interiore)

Cu’ scipp’ ‘a vigna e chiant’ ‘a vigna, mai vinnigna
Chi estirpa la vigna e pianta la vigna, mai raccoglie

Cu’ si curca cch’e picciriddi, ‘a matina si susi pisciatu
Chi va a letto coi bambini, la mattina si alza pisciato
(chi si affida a incapaci, ne paga le conseguenze)

Cu’ simina spini nun arricogghi rosi
Chi semina spine non raccoglie rose

Cu’ si vanta cc’ ‘a so ‘ucca o è sceccu o è cucca
Chi si vanta con la sua bocca o è asino o è allocco

Cu’ sparti havi ‘a miegghiu parti
Chi divide ha la migliore parte

Cu’ sputa ‘nta ll’aria ‘n facci ci torna
Chi sputa in aria in faccia gli torna

Cu’ tiempu ‘spetta, tiempu perdi
Chi tempo aspetta, tempo perde

Cu’ tocc’ ‘a pici, s’ambratta ‘i manu
Chi tocca la pece s’imbratta le mani

Cu’ veni appressu cunta ‘i pirati
Chi viene dopo conta le pedate
(chi verrà dopo, giudicherà)

Cu’ voli beni nun senti ‘u fiet’ ‘i l’agghia
Chi vuole bene non sente la puzza dell’aglio

Cu’ voli ‘u spassu s’accatta ‘na signa
Chi vuole lo spasso si compra una scimmia

Cu’ zappa curriennu arricogghi chianciennu
Chi zappa correndo raccoglie piangendo

Di marti né si spusa né si parti
Di martedì né si sposa né si parte

‘disiari e nun aviri è pena di murìri
Desiderare e non avere è pena da morire

Diu a cu’ voli beni manna cruci e peni
Dio a chi vuole bene manda croci e pene

Dui su’ ‘i putenti: cu’ havi assai e ccu’ nun havi nenti
Due sono i potenti: chi ha assai e chi non ha niente

È miegghiu sapiri picca ca parrar’ assai
È meglio sapere poco che parlare troppo

Fai beni e scordilu, fai mali e pensici
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci

Fimmina ca rirri, t’ha rittu tuttu
Donna che ride, ti ha detto tutto

Fimmina senza amuri è rosa senza oduri
Donna senza amore è una rosa senza odore

Fimmina varbuta mancu ri luntanu si saluta
Donna barbuta neanche da lontano si saluta

Finutu ‘u jocu re’ scacchi, ‘u re c’ ‘a pidina vanu ‘n saccu
Finito il gioco degli scacchi, il re con la pedina vanno nel sacco
(nella morte, siamo tutti uguali)

Geniu fa biddizza
L’intelligenza fa la bellezza

I chiacchiri su’ chiacchiri, ma ‘a putiara vo’ ‘i picciuli
Le chiacchiere sono chiacchiere, ma la bottegaia vuole i soldi

I cunti senza l’osti si fanu ru’ voti
I conti senza l’oste si fanno due volte

I picciuli su’ ‘nta ‘ucca ri tutti e ‘nta sacchetta ri nuddu
I soldi sono nella bocca di tutti e nella tasca di nessuno

I re stanu rintr’ ‘e cammiri e cumanninu e ‘i populi si scànninu
I re stanno dentro le camere e comandano e i popoli si scannano

I vai ‘ra pignata ‘i sapi ‘a cucchiara ca ‘i ‘rrimina
I guai della pentola li conosce il cucchiaio che li mescola

Jetta simenza, ca Diu ci penza
Getta il seme, che Dio ci pensa

Junciti a ccu è mieggh’ ‘i tia e facci ‘a spisa pp’ ‘a via
Unisciti a chi è migliore di te e pagagli le spese lungo la via

Jurnata rutta appizzila tutta
Giornata rotta sacrificala tutta

L’aceddu ‘nta ‘na cagghia nun canta pp’ amuri ma ppi ragghia
L’uccello in una gabbia non canta per amore ma per rabbia

L’aceddu s’arricunusci ‘re pinni, l’omminu ro parrari
L’uccello si riconosce dalle penne, l’uomo dal parlare

Lincua bbona, bbona l’arma
Lingua buona, buona l’anima

L’omu bonu va co’ cori ‘n manu
L’uomo buono va col cuore in mano

L’omu ghilusu mori curnutu
L’uomo geloso muore cornuto

L’onori ca si perdi ‘nta ‘n minutu, ‘nta cent’anni nun è ricumpinzatu
L’onore che si perde in un minuto, in cent’anni non è ricompensato

Miegghiu cummattiri ccu ‘nu briganti ca ccu ‘nu ‘gnuranti
Meglio avere a che fare con un brigante che con un ignorante

Miegghiu morri ca mali campari
Meglio morire che vivere male

Miegghiu obbidiri ca santificari
Meglio obbedire che santificare
(è più gradito a Dio obbedire che fare sacrifici)

Miegghiu sbirri a’ porta, ca parrini
Meglio sbirri alla porta, che preti
(nel senso che i preti vengono per il funerale)

‘mpriachi e picciriddi, ‘u Signuri l’aiuta
Ubriachi e bambini, il Signore li aiuta

Nun ludari ‘a jurnata si nun scura ‘a sirata
Non lodare la giornata se non scura la serata

Nun mettiri ‘i puddicini ‘o suli
Non mettere i pulcini al sole
(nel senso di non prendere iniziative avventate)

Nun si pò munciri ‘na petra ppi fari nesciri sucu
Non si può mungere una pietra per fare uscire succo

Nun ti pigghiu se nun t’assumigghiu
Non ti prendo se non ti assomiglio

Nun tuccari ‘u culu a’ cicala
Non toccare il culo alla cicala
(non fare parlare le malelingue)

‘o cacat’ ‘u culu ci feti
Al cacato il culo puzza

Occhi c’hata fattu chianciri, chianciti
Occhi che avete fatto piangere, piangete

Occhiu ca nun viri, cori ca nun doli
Occhio che non vede, cuore che non duole

Ogni cani è liuni a’ so casa
Ogni cane è leone a casa sua

Ogni fruttu voli ‘a so stajuni
Ogni frutto vuole la sua stagione

Ognunu campa ccu’ l’arti so
Ognuno campa con l’arte sua
(ognuno vive come può)

‘o lupu viecchiu nun s’anzign’ ‘a tana
Al lupo vecchio non si insegna la tana

Parrari picca e véstir’ ‘i pannu nun hana fattu mai dannu
Parlare poco e vestire di panno non hanno fatto mai danno

Petra ca nun fa lippu s’ ‘a tira ‘a china
Pietra che non fa muschio se la tira la piena
(chi non mette radici è destinato ad andare in rovina)

Ppi canusciri a ‘n omminu, s’ha ‘a manciari ‘na sarm’ ‘e sali
Per conoscere un uomo, si deve mangiare una salma di sale
(per conoscere una persona, bisogna frequentarla a lungo)

Prima ri fari ‘n passu, assicuriti ‘i putirini fari n’autru
Prima di fare un passo, assicurati di poterne fare un altro

Prima ri parrari mastica ‘i paroli
Prima di parlare mastica le parole
(rifletti, prima di parlare)

Prumettiri è vigghilia ro rari
Promettere è vigilia del dare

Quann’ ‘a furtuna vota, ogn’ amicu s’alluntana
Quando la fortuna gira, ogni amico s’allontana

Quann’ ‘a lincua coli parrari, ‘o cori ha ‘a ‘ddumannari
Quando la lingua vuole parlare, al cuore deve domandare

Quannu l’amicu nun parra a prima ‘uci, vo’ ddiri ca ‘u riscursu nun ci piaci
Quando l’amico non parla a prima voce, vuol dire che il discorso non gli piace

Quannu l’amuri voli, trova locu
Quando l’amore vuole, trova luogo
(nel senso di trova il modo)

Quannu manci chiuriti ‘a porta, quannu parri taliett’ ‘i rarrieri
Quando mangi chiuditi la porta, quando parli guardati dietro

Quann’ ‘u piru è maturu, cari sulu
Quando la pera è matura, cade da sola

Quann’ ‘u riahulu t’accarizza voli l’arma
Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima

‘rapi ‘a ‘ucca cunformi è ‘u ‘uccuni
Apri la bocca conformemente al boccone

‘re minacci nun timiri, ‘re prumissi nu’ ggudiri
Delle minacce non temere, delle promesse non godere

Ricchizza fa superbia, superbia povirtà
La ricchezza genera superbia, la superbia povertà

Ri ‘na spina nasci ‘na rosa, ri ‘na rosa nasci ‘na spina
Da una spina nasce una rosa, da una rosa nasce una spina

Rispetta ‘u vecchiu unn’ ‘u truovi
Rispetta il vecchio ovunque lo trovi

Ro nemicu nun pigghiari cunsigghiu
Dal nemico non prendere consiglio

Ru’ priura ‘nta ‘n cunbentu ‘n ponu stari
Due priori in un convento non possono stare

S’ a ogni cani c’ abbaia ci voi tirari ‘na petra, nun t’arrestinu virazza
Se a ogni cane che abbaia vuoi tirare una pietra, non ti resteranno braccia

Serv’ ‘i ‘n autru si fa cu rici ‘u segretu ca sa
Servo di un altro si fa chi dice il segreto che sa

S’ è veru ca ‘u munnu gira, ri ccà ha ‘a passari
Se è vero che il mondo gira, da qui deve passare

S’ hav’ ‘a travagghiari comu se mai si murissi e pinsari sempri ca s’ hav’ ‘a morri
Si deve lavorare come se non si morisse mai e pensare sempre che si deve morire

Si bbuoi campari, lassa campari
Se vuoi vivere, lascia vivere

Si bbuoi passari ‘a vita cuntentu, statti luntanu re’ parienti
Se vuoi passare la vita contento, stai lontano dai parenti

Sinnicu picciuottu, paisi arruhinatu
Sindaco giovane, paese rovinato

Stomacu ‘ranni, ‘ucca picciridda
Stomaco grande, bocca piccola
(ascolta, ma non parlare)

Talia ‘i panni ri cu’ s’annia
Guarda i panni di chi annega
(trai insegnamento dalle disgrazie altrui)

Testa ca nun parra si chiama cucùzza
Testa che non parla si chiama zucca

Tri su’ i putenti: ‘u Papa, ‘u Re e ccu nun havi nenti
Tre i sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente

Tutt’ ‘i cunsigghia pigghia, ma ‘u to nun ‘u lassari
Tutti i consigli prendi, ma il tuo non lo lasciare

‘ucca amara, feli jetta
La bocca amara getta fiele

‘u cuscinu è ‘nu gran cunsigghieri
Il cuscino è un gran consigliere

‘u curnutu è cunusciutu sulu ‘o so paisi, ‘u cretinu unni va va
Il cornuto è conosciuto solo al suo paese, il cretino ovunque vada

‘u lup’ ‘i mala cuscenza com’ opira penza
Il lupo di cattiva coscienza come opera pensa
(il disonesto pensa degli altri ciò che farebbe lui)

‘u mastru è mastru, ma ‘i stigghi fanu ‘u mastru
Il mastro è mastro, ma gli attrezzi fanno il mastro

‘u megghiu beni è ‘u menu mali
Il miglior bene è il minor male

‘u monucu sciala e ‘u cummentu paja
Il monaco sperpera e il convento paga

‘u munnu è ri cu’ ‘u sapi ‘bbuffiniari
Il mondo è di chi lo sa prendere in giro

Unn’è ‘u pisu va ‘a vilanza
Dov’è il peso va la bilancia

Unni c’è ‘nteressi, nun c’è amuri
Dove c’è interesse, non c’è amore

Unni ci su’ campani, ci su’ buttani
Dove ci sono campane, ci sono puttane

Unu sulu nun è bbonu mancu ‘n pararisu
Uno solo non è buono neanche in paradiso
(nel senso che, da soli, non si sta bene neanche in paradiso)

‘u piccatu è chiddu ca nesci e no chiddu ca trasi
Il peccato è quello che esce e non quello che entra

‘u pisci feti ‘ra testa
Il pesce puzza dalla testa
(le colpe sono di chi comanda)

‘u pis’ ‘i l’anni iè ‘u pisu cchiù ranni
Il peso degli anni è il peso più grande

‘u putiaru soccu havi vannìa
Il bottegaio ciò che ha decanta

‘u rispiettu è misuratu, cu’ ‘u porta l’havi purtatu
Il rispetto è misurato, chi lo portato lo ha portato

‘u sancu nun si pò fari acqua
Il sangue non si può fare acqua
(i legami di sangue non si possono rinnegare)

‘u Signuri runa ‘u pani a ccu’ nun havi i rienti
Il Signore dà il pane a chi non ha i denti

‘u surci rissi a’ nuci: rammi tiempu ca ti piérciu
Il topo disse alla noce: dammi tempo che ti buco

‘u varagnu fa passari ‘a stanchizza
Il guadagno fa passare la stanchezza

‘u voi ci rici curnutu ‘o sceccu
Il bue dice cornuto all’asino

Vali cchiù ‘n corpu ri mastru, ca rui ri manuali
Vale più un colpo di mastro, che due di manovale

Vardit’ ‘i l’omu ca nun parra e ro cani ca nun abbaia
Guardati dall’uomo che non parla e dal cane che non abbaia

Vinisti ppi futtiri e t’innisti futtutu
Sei venuto per fregare e te ne sei andato fregato

Voi sapiri qual è ‘u megghiu jocu? Fa’ beni e parra pocu
Vuoi sapere qual è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco

Vutti ca nun è ‘ntuppata, sbenta
Botte che non è tappata, sfiata

Zoccu si cci runa, si cci ficca
Quello che le si dona, ci si ficca
(riferito alla pancia)

Zocc’ ‘u cori penza, parr’ ‘a ‘ucca
Quello che il cuore pensa, dice la bocca
(riferito alle persone sincere)

Zucchiru nu’ vasta bivanna
Zucchero non guasta bevanda