Lingua Siciliana

Un populu
mittitilu a catina
spughiatilu
attuppatici a vucca
è ancora libiru.
Livatici u travagghiu
u passaportu
a tavula unnu mancia
u lettu unnu dormi,
è ancora riccu.
Un populu
diventa poviru e servu
quannu ci arrubbanu a lingua
addutata di patri:
è persu pi sempri.
Diventa poviru e servu
quannu i paroli non figghianu paroli
e si mancianu tra d’iddi.
Mi nn’addugnu ora,
mentri accordu la chitarra du dialettu
ca perdi na corda lu jornu.
Mentre arripezzu
a tila camuluta
ca tissiru i nostri avi
cu lana di pecuri siciliani.
E sugnu poviru:
haiu i dinari
e non li pozzu spènniri;
i giuelli
e non li pozzu rigalari;
u cantu
nta gaggia
cu l’ali tagghiati.
Un poviru
c’addatta nte minni strippi
da matri putativa,
chi u chiama figghiu
pi nciuria.
Nuàtri l’avevamu a matri,
nni l’arrubbaru;
aveva i minni a funtana di latti
e ci vìppiru tutti,
ora ci sputanu.
Nni ristò a vuci d’idda,
a cadenza,
a nota vascia
du sonu e du lamentu:
chissi non nni ponnu rubari.
Non nni ponnu rubari,
ma ristamu poviri
e orfani u stissu.
Un popolo
mettetelo in catene
spogliatelo
tappategli la bocca
è ancora libero.
Levategli il lavoro
il passaporto
la tavola dove mangia
il letto dove dorme,
è ancora ricco.
Un popolo
diventa povero e servo
quando gli rubano la lingua
ricevuta dai padri:
è perso per sempre.
Diventa povero e servo
quando le parole non figliano parole
e si mangiano tra di loro.
Me ne accorgo ora,
mentre accordo la chitarra del dialetto
che perde una corda al giorno.
Mentre rappezzo
la tela tarmata
che tesserono i nostri avi
con lana di pecore siciliane.
E sono povero:
ho i danari
e non li posso spendere;
i gioielli
e non li posso regalare;
il canto
nella gabbia
con le ali tagliate.
Un povero
che allatta dalle mammelle aride
della madre putativa,
che lo chiama figlio
per scherno.
Noialtri l’avevamo, la madre,
ce la rubarono;
aveva le mammelle a fontana di latte
e ci bevvero tutti,
ora ci sputano.
Ci restò la voce di lei,
la cadenza,
la nota bassa
del suono e del lamento:
queste non ce le possono rubare.
Non ce le possono rubare,
ma restiamo poveri
e orfani lo stesso.

(Ignazio Buttitta, Lingua e dialettu)

La consapevolezza di un popolo si fonda, innanzitutto, sul recupero della memoria storica del proprio passato, glorioso seppure calpestato e cancellato, nonché della propria Lingua, che non è un rozzo dialetto come qualcuno vuole fare credere, ma è la lingua nella quale, nel XIV e XV secolo, la Real Cancelleria emanava i documenti firmati dal sovrano.

Una pagina come questa non può che essere, quindi, un perenne “lavori in corso”, mai esaustiva, a maggior ragione se si tengono in conto le varianti di cadenza, di accento e persino di significato, nelle diverse parti della Sicilia!

Elementi di grammatica siciliana

Vocali

Le parole che, in italiano, terminano con la -a (ad esempio: pasta, gioia, figlia), in siciliano terminano anch’esse con la -a (pasta, ghioia, figghia);
Le parole che, in italiano, terminano con la -e (ad esempio: mare, sole, pietre), in siciliano terminano con la -i (mari, suli, petri);
Le parole che, in italiano, terminano con la -i (ad esempio: cavalli, buoi, gatti), in siciliano terminano anch’esse con la -i (cavadi o cavaddi, voi, iatti);
Le parole che, in italiano, terminano con la -o (ad esempio: uomo, pozzo, canto), in siciliano terminano con la -u (omu o uomminu, puzzu, cantu);
Le parole che, in italiano, terminano con la -u (ad esempio: gru), in siciliano terminano anch’esse con la -u (gru).
In alcuni plurali, si ritrova la desinenza -a, dal neutro plurale latino (ad esempio: pere – pira, fili – fila, giorni – iorna).

Lettere e sillabe

La “b” iniziale, in siciliano diventa “v” (ad esempio: biscotto – viscuottu, barca – varca).
La “f” iniziale seguita da -io o da -iu, in siciliano diventa spesso “ciu”o “sciu” (ad esempio: fiorito – sciuritu, fiumara – ciumara o sciumara).
La doppia “l” al centro di una parola, in siciliano diventa “d” o doppia “d” (ad esempio: collo – cuodu o coddu, cavallo – cavadu o cavaddu, collare – cuddaru).
Le sillabe -glio, -glia, -gli, in siciliano diventano -gghiu, -gghia, -gghi (ad esempio: figlio – figghiu, figlia – figghia, figli – figghi).
Il gruppo “nd”, in siciliano diventa una doppia “n” (ad esempio: mondo – munnu, tondo – tunnu, fondo – funnu).

Articoli

Determinativi:
“il” e “lo” in siciliano diventano “‘u” o “lu”;
“la” in siciliano diventa “‘a” o “la”;
“i” e “gli” diventano “i” o “li”;
“le” diventa “i”.

Indeterminativi:
“un” in siciliano diventa “‘n”;
“uno” diventa “‘nu”;
“una” diventa “‘na”.

Pronomi personali

“io” in siciliano diventa “iu” o “ju”;
“tu” in siciliano rimane “tu”,
“lui”, “egli” ed “esso” in siciliano diventano “iddu”;
“lei”, “ella” ed “essa” in siciliano diventano “idda”;
“noi” diventa “nui” o “nuautri”;
“voi” diventa “vui” o “vuautri”;
“loro” ed “essi” diventano “iddi”;

“me” in siciliano diventa “mi” o “mia”;
“te” in siciliano diventa “ti” o “tia”,
“gli” e “le” in siciliano diventano “ci”;
“ci” diventa “ni”;
“vi” diventa “vi” o “bbi”;
“loro” diventa “ci”.

Aggettivi e pronomi possessivi

“mio”, “mia”, “miei” e “mie”, in siciliano diventano “me” o “mia” (se posposto);
“tuo”, “tua”, “tuoi” e “tue”, in siciliano diventano “to”;
“suo”, “sua”, “suoi” e “sue”, in siciliano diventano “so”;
“nostro”, “nostra”, “nostri” e “nostre”, in siciliano diventano “nuostri”;
“vostro”, “vostra”, “vostri” e “vostre”, in siciliano diventano “vuostri”;
“loro” in siciliano diventa “so”.

Aggettivi dimostrativi

“questo” in siciliano diventa “‘stu”;
“questa” in siciliano diventa “‘sta”;
“questi” e “queste” diventano “‘sti”;
“quello” in siciliano diventa “‘ddu”;
“quella” in siciliano diventa “‘dda”;
“quelli”, “quegli”, “quei” e “quelle” diventano “‘ddi”.

Pronomi dimostrativi

“questo” in siciliano diventa “chistu”;
“questa” in siciliano diventa “chista”;
“questi” e “queste” diventano “chisti”;
“quello” in siciliano diventa “chiddu”;
“quella” in siciliano diventa “chidda”;
“quelli”, “quegli”, “quei” e “quelle” diventano “chiddi”.

Verbi

Nella Lingua Siciliana esistono due sole coniugazioni: la prima comprende i verbi che, all’infinito, terminano in -ari (verbi italiani in -are); la seconda i verbi in -iri (verbi italiani in -ere e -ire).
Per quanto concerne i modi, esistono indicativo, congiuntivo, imperativo, gerundio, participio e infinito, mentre non esiste di fatto il condizionale, generalmente sostituito dal congiuntivo (si ‘u sapissi, ‘u ricissi o ‘u dicissi … se lo sapessi, lo direi).
L’indicativo comprende i tempi presente, imperfetto, trapassato prossimo, passato remoto. Non esiste il futuro, sostituito dal presente (‘u ricu o ‘u dicu … lo dico, lo dirò), e non esistono neppure il passato prossimo e il trapassato remoto, sostituiti dal passato remoto (‘u rissi o ‘u dissi … lo dissi, l’ho detto, l’ebbi detto).
Il congiuntivo comprende imperfetto (ca ricissi o ca dicissi … che dicessi) e trapassato (c’avissa rittu o c’avissa dittu … che avessi detto), mentre il presente è sostituito dal presente indicativo (ca ricu o ca dicu … che dico, che dica). Imperfetto e trapassato, inoltre, sostituiscono rispettivamente presente e passato condizionali (ricissi o dicissi … dicessi, direi; avissa rittu o avissa dittu … avessi detto, avrei detto).
L’imperativo si coniuga al presente, similmente a quello italiano (rillu o dillu … dillo; nun ‘u riri o nun ‘u diri … non lo dire).
Il gerundio comprende sia presente (riciennu o dicennu … dicendo), che passato (aviennu rittu o aviennu dittu … avendo detto).
Il participio comprende soltanto il passato (rittu o dittu … detto), mentre non esiste il presente.
L’infinito comprende sia presente (riri o diri … dire), che passato (aviri rittu o aviri dittu … avere detto).

Esempi di presente indicativo:
– “essere”: iu sugnu, tu sì, iddu è, nui o nuautri siemu, vui o vuautri siti, iddi sunnu;
– “avere”: iu haiu, tu hai, iddu havi, nui o nuautri aviemu, vui o vuautri aviti, iddi hanu;
– “dare”: iu rugnu, tu runi, iddu runa, nui o nuautri ramu, vui o vuautri rati, iddi runinu;
– “fare”: iu fazzu, tu fai, iddu fà, nui o nuautri faciemu, vui o vuautri fati o faciti, iddi fanu;
– “andare”: iu vaiu, tu vai, iddu va, nui o nuautri iemu, vui o vuautri iti, iddi vanu;
– “volere”: iu vuogghiu, tu voi o vuoi, iddu voli, nui o nuautri vuliemu, vui o vuautri vuliti, iddi vuonu;
– “potere”: iu puozzu, tu poi o puoi, iddu pò o poti, nui o nuautri putiemu, vui o vuautri putiti, iddi puonu;
– “venire”: iu viegnu, tu veni o vieni, iddu veni, nui o nuautri viniemu, vui o vuautri viniti, iddi vieninu;
– “dire”: iu ricu, tu rici, iddu rici, nui o nuautri riciemu, vui o vuautri riciti, iddi ricunu.

Particolarità verbali:
in siciliano non esiste il verbo “dovere”, sostituito dal verbo “avere” (stasera dovrete lavorare … stasira aviti ‘a travagghiari).

Avverbi

Di luogo:
“qui”, “qua” in siciliano diventano “‘cca”;
“lì”, “là” diventano “‘dda”;
“dove” diventa “unni”;
“dovunque” diventa “unn’è gghiè”;
“dentro” diventa “rintra” o “‘intra”;
“dietro” diventa “arrè” o “r’ arrièri”;
“davanti” diventa “r’ avànti”;
“laggiù” diventa “ddà ssutta”;
“lassù” diventa “ddà ssupra”.

Di modo:
“come” in siciliano diventa “comu”;
“così” diventa “accussì”;
“bene” diventa “beni” o “buònu”;
“male” diventa “mali” o “tintu”;
“anche”, “pure” diventano “macàri”.

Di tempo:
“quando” in siciliano diventa “quannu”;
“ora” diventa “ora” o “uòra”;
“dopo” diventa “duòppu” o “appuòi”;
“nuovamente” diventa “arrè”.

Di quantità:
“poco” in siciliano diventa “picca”;
“molto” diventa “assài”;
“più” diventa “cchiù”;
“meno” diventa “menu”.

Di negazione:
“non” in siciliano diventa “nun”;
“neanche”, “nemmeno”, “neppure” diventano “mancu”.

Preposizioni

Le preposizioni semplici, nella Lingua Siciliana, sono:
“ri” per le italiane “di”, “da”;
“a” per l’italiana “a”;
“nni” o “nti” per l’italiana “in”;
“cu” o “ccu” per l’italiana “con”;
“supra” o “‘n capu” per l’italiana “su”;
“pi” o “ppi” per l’italiana “per”;
“tra” o “ntra” per le italiane “tra”, “fra”.

Piccolo dizionario

A

abballàri ballare
abbanniàri o vanniàri gridare, urlare, decantare, proclamare
abbannunàri abbandonare
abbaruàrisi confondersi (nel catanese)
abbastàri bastare, essere sufficiente
abbiàri lanciare
abbicinàri avvicinare
abbissàri aggiustare, riparare (nel ragusano, l’esatto contrario: guastare, rompere)
abbicinàri avvicinare
abbiviràri abbeverare
abbonè esclamazione per: meno male
abbuccàri rovesciare, versare
abbuffàri abbuffare, gonfiare
abbuffiniàri prendere in giro
accabbàri o accapàri finire, terminare
accamòra per ora
accarpàtu bruciato
accattàri comprare, ovvero partorire
acchianàri salire
acciu, accia sedano
acciuncàri ammollare, rendere mollo, azzoppare
accravaccàri montare, sovrapporre
accucchiàri mettere insieme
accupàri soffocare
accùra esclamazione per: attenzione!, attento!
accurdàri accordare, concedere
accurzàri accorciare
accussì così
accutturàtu influenzato
addàuru alloro
addumàri accendere
addunàrisi accorgersi
addurcàri mettere a posto, rabbonire, sistemare
addurmiscìrisi addormentarsi
affaràtu accaldato, bruciato
affruntàrisi vergognarsi
affruntùsu colui che si vergogna
affucàri soffocare
affunnàri affondare
allèggiu adagio, con calma, piano
allicchittàtu elegante, curato
ammàtula inutilmente
ammiscàri mescolare, mischiare
ammuccàri prendere qualcosa di buono, di saporito
ammucciàri nascondere
ammucciùni di nascosto
ammuttàri spingere
ammuttunàtu abbottonato, imbottito, ripieno
annacàri cullare, dondolare
antuppàri coprire, tappare
appizzàri attaccare, ovvero rimettere, perdere
apprèssu dopo, successivamente
arà esclamazione per: dai, avanti, forza
arricriàrisi divertirsi, godersela
arricugghìrisi ritirarsi, ritornare
arridducìrisi ridursi
arriminàri mescolare
arrimunnàri potare
arripizzàri rappezzare, rattoppare
arruminàri mescolare
arrunciàri raccogliere, mettere insieme
arrusbigghiàri svegliare, risvegliare
azziccàri incominciare, iniziare, ovvero infilare

B

babbalùciu lumaca
babbiàri scherzare
babbu scemo
balàta lastra di pietra
biddìzza bellezza
boffa schiaffo
bruccètta forchetta
buàtta lattina, scatola
buffa grosso rospo
bùmmulu vaso di terracotta a bocca stretta per l’acqua
burnìa vasetto di vetro o di terracotta per conserve
burulìddu carino, simpatico
buttàna prostituta, puttana
buttìgghia bottiglia

C

ca che
cacàzzu spavento
cafìsu misura d’olio
cafuddàri lasciarsi andare
calàri abbassare
càlia ceci secchi
caminàri camminare
cammìsa camicia
campàri vivere
camurrìa fastidio, scocciatura
camurriùsu fastidioso
canàriu canarino
canàzza svogliatezza
canìgghia crusca
cannalàta grondaia
cannaròzzi gola
canniarasìlla prendersela comoda
cantarànu mobile da camera
capìzzu capezzale
capuliàri tritare, ovvero picchiare
capuliàtu tritato di carne, ovvero di pomodori secchi e peperoncino
carcaràzza gazza
carìna schiena
carratièddu piccola botte
carusièddu salvadanaio
carùsu ragazzo
càscia cassa
caucìna calce
càusi calzoni, pantaloni
cavàgna contenitore per ricotta fresca fatto di canne
cavatièddi pasta a conchiglia
cazzalòra casseruola, pentola
‘ccà qua
cèusu gelso
chiantàri o ciantàri piantare
chinu o cinu pieno
ciaccàtu lesionato
cianciàna campanella, sonaglio
ciaramìta tegola
ciaravèddu capretto
cicaliàrisi sbrigarsi
ciràsa ciliegia
ciùmi fiume
coffa peso, fardello
criàta serva, cameriera
criscènti lievito naturale
crastu montone
crivu setaccio
crozza teschio
cubbàita dolce con semi di sesamo e miele
cucchiàra o cucciàra cucchiao
cuccìa piatto a base di grano
cucùzza zucca, zucchina
cuddùra pane di casa
cugnu cuneo fermaporta o per mobili
cummàttiri avere a che fare, badare
cunuttàrisi consolarsi
cunzàri condire
cuppìnu mestolo
currìa cinghia
curtìgghiu cortile, ovvero pettegolezzo
custurèri sarto
cutuliàri scuotere, ovvero infastidire

D

dammùsu costruzione rurale
‘ddà
ddisa disa, saracchio, tipica pianta di collina (nome scientifico Ampelodesmos mauritanicus)
‘ddocu o ‘dduocu lì, in quel luogo
dibbulìzza debolezza, fame
dìciri o rìciri o riri dire, ovvero dare del a qualcuno
disìu o risìu desiderio
dòliri dolere, dolersi

E

ènniru genero

F

facciòlu o facciuòlu falso, ipocrita
farfànti furfante, bugiardo
fascèdda o vascèdda contenitore per ricotta fatto con canne
fàuci falce
faulàri grembiule da cucina, oppure fazzoletto (dal francese foulard)
fèda o fèdda fetta
fètiri puzzare, fare cattivo odore
fiètu fetore, cattivo odore
fìgghiu figlio
figghiòzzu figlioccio
filàzza fessura, apertura
filìnia ragnatela
firàrisi riuscire
firràru fabbro
fissa fesso, stupido, ovvero fissazione
fitinzìa sporcizia
fitùsu sporco, anche in senso figurato
fòrficia o fuòrfici forbici
frascatulàru inaffidabile, superficiale
freve o frevi febbre
frìiri friggere
friscanzània frescura
fùdda folla, confusione
fumèri letame
fùncia muso
funnùtu profondo
furmìcula formica
furriàri girare
futtirasìnni o futtirisìnni fregarsene

G

gèbbia vasca d’accumulo per l’acqua
ghiànnu pallido
ghiàrra grosso recipiente di terracotta per olio, olive, eccetera
gilusiàrisi ingelosirsi
gisère o ghisère stomaco (generalmente riferito alla gallina)
giuggiulèna o ghiugghiulèna semi di sesamo
giùmmu o ghiùmmu ciuffo, fiocco, pendente
gnutticàri raccogliere e ripiegare

I

iaddìna gallina
imènta o iumènta giumenta
immu gobba
incaniàrisi accanirsi, invogliarsi, eccitarsi
incravaccàri sovrapporre, montare su
iòrnu o iuòrnu giorno
iri andare
isàri alzare, sollevare
iùnciri unire, raggiungere
iùncu giunco
iùnta aggiunta
iùntu giunto
iùsu giù, parte bassa
iùta andata

L

lagnùsu lamentoso, ovvero pigro
làitu o làriu brutto
lanna latta, scatola di latta
lapa ape
làstima dolore, lamento
lastimiàri dolersi, lamentarsi
lazzarùni birbante, monello
lemmu coccio, ovvero (nel licatese) grossa bacinella per lavare i panni
lestu o lièstu veloce
lièbbru lepre
limmùni vaso decorato in terracotta
liccu goloso
liòtru elefante
lippu muschio incrostante e scivoloso
liscìa voglia di scherzare
lumìa limone
luppìnu, luppìna lupino, lupini (legume)
lustru luce

M

macàri anche
maccu purea di fave
maìdda vasca per impastare il pane
mammàna levatrice
mancùsu mancino
maniàri maneggiare
mànnara mandria
manta coperta
mappìna straccetto da cucina
màrgiu palude
maritàri sposare
marrùggiu bastone di legno
mascariàri mescolare mettendo in disordine e sporcando
masciddàta schiaffo
màttula cotone
mazzacàni grosso masso
meccu stoppino per lumi ad olio
mènnula mandorla
milinciàna o mulinciàna melenzana
miniminàgghia indovinello
minna mammella
minnicàri danneggiare, ledere, nuocere
minzugnàru o munzignàru bugiardo
mischìnu meschino, usato nel senso di poverino
mizzigghiari addolcire un nome affettuosamente
mizzigghiatu viziato
‘mpanàta pasticcio a base di carne o verdure
‘mpappinàrisi confondersi
‘mpicàri appiccicare, attaccare
‘mpìnciri inciampare, restare impigliato
‘mpinnàta o pinnàta tettoia per esterni generalmente in canne o legno
muccàturi fazzoletto
muccùni boccone
mugghièri moglie
munnàri sbucciare
munnìzza immondizia
munnizzàru netturbino, ovvero deposito per immondizia
mussu muso, bocca
mustàzzu baffo
muzzicùni mozzicone
muzzu forfait, conto approssimativo

N

naca culla, dondolo
nasca naso, narice
‘ncarcàri premere
‘ncasàri infilare, mettere in
‘ncazzùsu irascibile
‘ncignàri inaugurare
‘nciùria ingiuria, usato nel senso di soprannome
‘ncrasciàtu sudicio
‘ncucchiàri mettere insieme
‘ncugnàri spingere
‘nginàgghia inguine
nicu piccolo
‘nsitàri o ‘nzitàri innestare
‘ntìsu sentito
‘ntrusciàri avvolgere
‘nturciniàri avvolgere ruotando
nuddu o nudu nessuno
‘nzimmulàri raccogliere, mettere insieme
‘nzirtàri indovinare

O

ogghiellànnu l’anno scorso
opra baccano

P

pacinziùsu paziente
pagghiàru pagliaio
pagghiàzzu straccio, strofinaccio
paisànu compaesano
palatàru palato
palùmma colomba
pampèra visiera
pàmpina foglia
panàru paniere
pàpula vescicola
paràcqua ombrello
parrìnu prete
partuàlli arance
pàssula uva passa
pàssuluni fico secco, o anche oliva nera appassita, si dice di persona inutile
pèrcia gruccia
pèssica o pièrsica pesca
picca poco
piccirìddu bambino
pìcciuli soldi
pigghiàri pigliare, prendere
pignàta pentola
pìnnula pillola
pinnuliàri penzolare
pinzèddu pennello
pirciàri bucare, forare
piricùddu sporgenza
pirtùsu buco, pertugio
pisàri calpestare
pisciàru pescivendolo
pizzuliàri spizzicare, mangiucchiare
prena pregna, incinta
prèscia fretta
priàrisi compiacersi
principiàri cominciare, iniziare
pruvulàzzu polvere
puddicìnu pulcino
putìa bottega
putrisìnu prezzemolo

Q

quagghiàri rapprendersi, coagulare
quartàra grossa giara

R

racìna uva
ranni grande
ràpiri aprire
rappa grappolo
rarìgghia griglia, graticola
rascàri raschiare
ratanànnu avo, antenato
ratapùntu cucitura, sarcitura
rattalòra grattugia
revòrbaru revolver, pistola
rifardiàrisi cambiare idea, tirarsi indietro
riminàri mescolare
rimunnàri potare, sfoltire
rinàli vaso da notte
rògghiu orologio
runfàri o runfuliàri russare
ruppu nodo

S

sacchètta tasca
saìmi grasso
sarma unità di misura di terreni
sarbàri o sarvàri conservare
sbagnàri inaugurare
sbampàri accendersi, prendere fuoco
sbapuràri prendere, cambiare aria
sbintàri perdere gas
sbintuliàri sventolare, creare corrente
sbrizzuliàri piovigginare
sbummicàri emanare odori
sburricàri riesumare
scampàri cessare di piovere
scaniàri impastare
scantàrisi o spagnàrisi spaventarsi
scantulìnu facilmente spaventabile
sceccu asino
schettu celibe
schìgghi grida, urla
scialàri godersela, ovvero sperperare
sciancàtu zoppo, azzoppatto
sciàrra litigio
scida o scidda ascella
scinnùta discesa
scocca fiocco
scraccu sputo
scugnàri spostare, allontanare, mandare via
scuncicàri stuzzicare, provocare
scunciurùtu o scunchiurùtu sconclusionato
scunzàri disfare
scupètta fucile da caccia
scuràri oscurare, far buio
scurdàrisi dimenticare, scordare
scursùni serpente
scutuliàri scuotere
scuzzulàri far cadere battendo
sdillassàtu molle, lasso
sdirrùbbu dirupo
sdivacàri svuotare
sgarràri sbagliare, sgarrare
siccu secco, magro
siddiàrisi seccarsi, ovvero annoiarsi
simàna settimana
simènza semi di zucca
siminzèdda piccoli chiodi
siritìna serata
spaccàzza crepa, fessura
spacchiùsu piacevole, ovvero gradasso
spardàri sprecare
sparti inoltre, per giunta
spàrtiri dividere, separare
spiàri chiedere, domandare
spicàri svilupparsi rapidamente
sprugghiàri sbrogliare
sprugghiàrisi sbrigarsi
spruniàri parlare a vanvera, andare fuori di testa
sputàzza saliva
squagghiàri sciogliere, fondere
stagghiàri coagulare
stinnigghiàrisi o stinnicchiàrisi distendersi
strammàri creare disordine
strammàtu disordinato
straviàrisi distrarsi
stricàri strofinare, strusciare
stròlicu chi si dà delle arie
strummintàri inventare, ingegnarsi
struppiàri azzoppare, rendere storpio
stuccàri spezzare
stuppàgghiu tappo
stuppàri stappare, sturare
subbitàniu immediato, improvviso
sucàri succhiare
sùsiri alzare
susìrisi alzarsi

T

tabbùtu bara
tabbutàru impresario funebre
tàccia chiodo
taddarìta pipistrello
taliàri guardare
tannu allora, a quel tempo
tannùra cucina a legna o a carbone, fornacella
tantìcchia o tantìccia un po’
tastàri assaggiare
tiànu tegame
tigna testa
tignùsu calvo
timpulàta o tumpulàta ceffone, schiaffo
tintu cattivo
tinturìa cattiveria
trànti bretelle
tràntu teso, oppure determinato, risoluto
tràsiri entrare
travàgghiu lavoro
trippàri giocare
tronu tuono
truniàri tuonare
trùscia fagotto
truvatùra tesoro nascosto
tumàzzu formaggio stagionato
tùmminu unità di misura fondiaria
tunnu tondo, ovvero tonno
tuppuliàri bussare
turdùni testone

U

ucca bocca
ùgghia ago
unni dove
urèdda o urèdi interiora
urìcci o urìccia orecchie
urricàri infossare, seppellire

V

vaddùni vallone, torrente
vagghìla bacinella
vampa fiamma
vanèdda stradella, viuzza
vanniàri gridare, urlare, insultare
vardaròbbi guardaroba, armadio
vasàri baciare
vastàsu maleducato
vastèdda pane di forma circolare
vattiàri battezzare
vaviàrisi sbavare
vuccèri macellaio
vili vigliacco, ovvero pigro
virrìna arnese a vite per forare
vìviri bere
vucciddàtu o bucciddàtu dolce con fichi
vuci o uci voce, ovvero grida

Z

zazzamìta geco
ziànu zio, parentela dei genitori
ziccùsu insistente, fastidioso
zitu fidanzato
zivìttolo vispo, vivace
zuccu tronco
zuppiàri zoppicare